La libertà non è uno spazio libero, la libertà è PARTECIPAZIONE. Giorgio Gaber

mercoledì 19 settembre 2018

Interventi consiglieri m5s


Interventi consiglieri m5s
1- Qual è la situazione del preventivato percorso in sicurezza su via Vignolese lato Lidl in attesa di conferma? (all’attenzione dell’Assessore Mandrioli)

2- Dopo la rimozione di alcuni giochi del Parco di Piazza Sassatelli in seguito a segnalazione per possibile pericolo per gli utenti, siamo a chiedere all’Amministrazione quale sarà il seguito di questa azione e con quale tempistica si pensi di ripristinarne l’utilizzo.

3- In merito all’infezione da West Nile che conta 17 deceduti in Regione di cui 3 nella nostra Provincia, dopo che già dalla primavera del 2015 il Comune di Spilamberto si era attivato recependo le Misure di Prevenzione del Servizio Sanitario Regionale trattando con antilarvali le caditoie stradali e con insetticidi le aree verdi pubbliche urbane utilizzate per manifestazioni e feste, vorremmo sapere se anche quest’anno sono state adottate le necessarie procedure comprendendo magari anche le aree verdi degli istituti scolastici e della casa di riposo.
Nonché se sia stata valutata la possibilità di distribuire gratuitamente il prodotto larvicida per il trattamento dei pozzetti e delle caditoie nelle aree cortilive private come attivato nel Comune di Vignola.

4- Viste le problematiche che continuano ad evidenziarsi per la raccolta Porta a Porta, il nostro gruppo propone di attivare una commissione permanente sul tema fino al termine della sperimentazione. Commissione che preveda la presenza di esperti ed aperta agli interventi organizzati dei cittadini per conoscere nel dettaglio e cercare di risolvere insieme i problemi quotidiani nonché valutare le buone pratiche in termini di efficacia, efficienza ed economicità come richiesto dall’art.222 del Decreto legislativo n. 152/2006 Norme in materia ambientale.

Punto 10 OdG


Oggetto: Interrogazione Mancato servizio raccolta rifiuti

I sottoscritti Consiglieri Anderlini Fiorella e Ori Claudio, a seguito delle continue segnalazioni dei cittadini,

Siamo a chiedere

1-    Quali siano le cause di questo reiterato mancato servizio da parte del Gestore.
2-    Come si quantificherà questo mancato servizio nel prossimo PEF.
3-    Se esiste una qualche forma di penale per il Gestore sul mancato servizio.
4-     Visto l’art.222 del Decreto legislativo n. 152/2006 Norme in materia ambientale che obbliga la pubblica amministrazione a” organizzare sistemi adeguati di raccolta differenziata in modo da permettere al consumatore di conferire al servizio pubblico rifiuti di imballaggio selezionati dai rifiuti domestici e da altri tipi di rifiuti di imballaggio.
In particolare:
   a) deve essere garantita la copertura omogenea del territorio in ciascun ambito territoriale ottimale, tenuto conto del contesto geografico;
    b) la gestione della raccolta differenziata deve essere effettuata secondo criteri che privilegino l'efficacia, l'efficienza e l'economicità del servizio, nonché il coordinamento con la gestione di altri rifiuti” cosa intenda fare l’Amministrazione per garantire un servizio efficace, efficiente ed economico?


I Consiglieri                                                 Anderlini Fiorella e Ori Claudio

Punto 9 OdG


Oggetto: Interrogazione - Chiarimenti allacciamento scarico Ditta Far Pro
Relativamente all’allacciamento dello scarico delle acque trattate nel depuratore aziendale della Ditta Far Pro alla fognatura del Comune di Spilamberto, la Determinazione dirigenziale di Arpae-SAC n. 6218 del 22 Novembre 2017 che riprendeva la Determinazione n. 391 del 29/10/2012 Allegato I dell’AIA, riferisce chefatte salve le considerazioni di compatibilità tecnica ai sensi del regolamento comunale vigente degli scarichi in pubblica fognatura, il gestore è tenuto a realizzare (con le modalità e le tempistiche da concordare con il Comune di Spilamberto ed il gestore del S.I.I.) l’allacciamento dello scarico delle acque trattate nel depuratore aziendale alla fognatura comunale…..”.
Pertanto non comprendiamo perché, a distanza di circa 6 anni, la Ditta non abbia ancora ottemperato alle prescrizioni definite negli atti, a maggior ragione dopo che la fognatura comunale di Via Macchioni è realizzata e disponibile da luglio 2015.
Siamo a chiedere
-Per quale ragione negli anni successivi al 2015 non è stato realizzato quanto prescritto da Arpae-SAC?
-La ditta ha ultimamente richiesto al Comune l’autorizzazione alla realizzazione dell’allacciamento alla fognatura presentando il relativo progetto, visto che in risposta ad accesso atti (Prot. 2017/0022730 data 28/11/2017) si comunicava che “non risulta agli atti del Comune nessun progetto di collettamento delle acque reflue industriali in pubblica fognatura”?
-Risulta esserci compatibilità tecnica ai sensi del regolamento comunale vigente degli scarichi in pubblica fognatura per realizzare quanto prescritto in AIA?


I Consiglieri                                                             Anderlini Fiorella e Ori Claudio